NAPOLI, QUANDO IL MIRACOLO GRIDA “VENDETTA”

Napoli tra angoscia e speranza. La città si è stretta attorno alla bambina di quattro anni ferita gravemente nel corso di una sparatoria verificatosi nel pomeriggio del 3 maggio. Attualmente, la piccola è ricoverata presso il reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Santobono, in coma farmacologico indotto, in condizioni estremamente gravi. Questo, mentre nella città partenopea si ripeteva il miracolo della liquefazione del sangue di San Gennaro, Patrono della città. Il Cardinale Sepe, commentando l’episodio di violenza perpetrato nei confronti della bambina, si è rivolto ai fedeli affermando che «il sangue innocente grida vendetta al cospetto di Dio».

Annunci