I MANGA GIAPPONESI ISPIRANO LA SCUOLA DI SALVINI

Grembiule o non grembiule? Il desiderio espresso dal Vicepremier, Matteo Salvini, che auspica il ritorno del grembiule nelle scuole, ha innescato opinioni divergenti. Per qualche giornalista, è un tema secondario rispetto ad altre emergenze scolastiche. Per altri, un richiamo nostalgico alla propria infanzia. Al di là delle considerazioni del Ministro dell’Interno, secondo cui l’uso del grembiule sarebbe positivo in quanto si eviterebbero divisioni tra «il bambino con la felpa da 700 euro e quello che ce l’ha di terza mano perché non può permettersela», occorre ricordare che il grembiule, oggi raramente utilizzato in Italia, è usato in gran parte dei Paesi nel mondo. Esempi ci arrivano dai numerosi manga giapponesi che ritraggono scolaresche omologate dall’uniforme.

L’esibizione della ricchezza, nelle scuole, fomentata anche dall’uso spregiudicato del mondo dei social, ha raggiunto livelli preoccupanti, tanto che i compagni di classe si apostrofano insultandosi dandosi del “povero”.

Annunci