LA NASA AMMETTE: I FANTASTICI QUATTRO NON SONO FRUTTO DI FANTASIA

Quali sono gli effetti delle radiazioni cosmiche sul corpo umano? Quando nel 1962, la coppia regina del fumetto, Stan Lee e Jack Kirby, creò “I Fantastici Quattro”, basò l’origine del quartetto sull’assunto che un volo spaziale verso la Luna, avrebbe comportato l’esposizione degli astronauti ai raggi cosmici, i cui effetti sulla natura umana erano sconosciuti. Il resto è storia. I raggi tramutarono lo scienziato Reed Richards nell’elastico Mister Fantastic, il pilota Ben Grimm nella mostruosa Cosa e i fratelli Susan e Johnny Storm rispettivamente nella Donna Invisibile e nella Torcia Umana. A distanza di quasi sessant’anni, la Nasa ha affermato che un viaggio di sei mesi verso Marte, porterebbe gli astronauti ad una esposizione di raggi cosmici di almeno il 60% del limite totale di radiazioni raccomandate per tutta la carriera, con un aumento del rischio di cancro nelle missioni di lunga durata. «Il vero problema – ha spiegato Marco Durante, esperto ESA – è la grande incertezza che circonda i rischi. Non capiamo molto bene le radiazioni spaziali e gli effetti a lungo termine sono sconosciuti».

Annunci
Annunci