ANCHE QUESTA VOLTA BERLUSCONI HA MANTENUTO LA PAROLA DATA

Tutto si può dire di Silvio Berlusconi, ma non che rinneghi la parola data. Otto anni fa, affermò, visitando l’isola di Lampedusa, che sarebbe dovuto diventare anch’egli lampedusano. « Mi sono attaccato a internet – aveva dichiarato il 30 marzo 2011 – e ho scovato una bellissima casa a Cala Francese, si chiama Due Palme e l’ho comprata». I lavori di ristrutturazione sono durati circa quattro anni, nascosti nel riserbo per via di un contratto con la ditta siciliana che li ha eseguiti legata ad un contratto che la obbligava al silenzio stampa. Ottenute le dovute licenze, e terminati i lavori, Villa Due Palme ha cambiato aspetto. Eliminato, all’esterno, il vialetto di accesso in pietrisco, ora è ricoperto da un morbido manto erboso e le palme svettano su una folta macchia mediterranea. All’interno, 250 metri quadri con 8 posti letto con un aspetto da tradizionale casa padronale isolana unito ad una architettura vacanziera composta da verande, gazebo al centro del giardino e vetrata del soggiorno al piano terra.

Annunci

Il 23 giugno 2019, Berlusconi ha fatto il primo ingresso nella sua villa lampedusana. Un arrivo che lo ha visto preda felice di turisti ed abitanti dell’isola che lo hanno preso d’assalto per i selfie di rito.

Annunci