TRA I CLIENTI ILIAD ANCHE I MOSTRI DI HALLOWEEN

Un comunicato stampa davvero singolare ed ironico quella di Iliad, l’offerta telefonica che, lo scorso anno, ha sconvolto il mercato della telefonia. Incentrato sulla festa di Halloween, Iliad gioca su Ognissanti con una operazione di marketing che coinvolge anche i propri punti vendita sparsi in tutta Italia.

Annunci

Il comunicato recita: “Non c’è momento migliore che la festa dei mostri e dei morti viventi per celebrare la dipartita dei poco compianti costi nascosti con iliad, che non perde certo l’occasione per rompere gli schemi strappando un sorriso e ironizzando sul grande cambiamento di trasparenza e chiarezza di cui è portatrice, e festeggia la settimana di Halloween con un’attività di comunicazione dedicata. Ed ecco quindi che nel macabro cimitero di Halloween, compare una nuova lapide tra gli scheletri e i pipistrelli notturni, perché dal 29 maggio 2018, giorno del suo arrivo nel mercato, iliad ha seppellito tutti i costi nascosti, le rimodulazioni e i vincoli, a vantaggio degli utenti per stabilire un rapporto basato sulla fiducia e la chiarezza. Attenzione a dove si mettono i piedi a Milano durante la più mostruosa settimana dell’anno quindi: in prossimità degli iliad Store e sui marciapiedi della città compariranno le lapidi in un’operazione che integra lo street marketing con altri canali online / offline, e con cui iliad saluta ufficialmente il vecchio mondo dei costi nascosti celebrando con gli utenti la nascita di un nuovo modello: trasparente, semplice e senza vincoli. Da sempre iliad ha mostrato di divertirsi giocando con i propri utenti in una relazione di complicità con un linguaggio ironico e irriverente, e non manca infatti di coinvolgere gli utenti richiamando l’operazione anche con video animati negli iliad Store e con una linea editoriale per i canali social del brand dai tratti “mostruosi”, come si addice al nuovo cimitero dei costi nascosti. Niente paura però questa volta, nessun rischio che i fantasmi tornino a disturbare gli utenti: non c’è speranza di resurrezione per i costi nascosti con iliad”.